divano

Affittato alla prima visita

Quando si intende vendere o dare in affitto una casa, bisogna presentarla al meglio. Lo richiede il mercato, ma soprattutto lo esigono i potenziali acquirenti (o affittuari), perché diciamocelo, nessuno di noi si innamorerebbe di una casa malconcia.

In questo appartamento, da affittare arredato, i proprietari volevano un design minimalista, semplice e poco costoso. E in effetti se l’immobile è destinato ad altri, il design di interni deve incontrare il gusto di un vasto numero di persone, deve per così dire essere “neutro”.

Andiamo a scoprire insieme il mio intervento.

L’ingresso offre una vista completa su cucina e zona pranzo.

L’appartamento è molto luminoso, avendo una grande vetrata che si apre su un piccolo balcone. Per la parete dietro al divano si è scelto quindi un colore grigio per dare un tocco di carattere a tutto l’ambiente che altrimenti sarebbe risultato troppo chiaro e spoglio.

Il mobile per la televisione è un componente Ikea, arricchito da un piano in faggio, sempre di produzione Ikea.

Sempre di produzione Ikea, la cucina ha messo a dura prova la pazienza di proprietari e montatori, in quando la caldaia da nascondere era veramente di grandi dimensioni e in uno spazio così ridotto sarebbe stato difficile non notarla. Si è realizzato quindi un pensile su misura, e alla fine il risultato ha ripagato di ogni fatica.
La parete color lavagna è un mio capriccio. Io la adoro e non potevo non inserirla in questo mio progetto!

Lo spazio destinato alla cucina era veramente ristretto e non c’era spazio per il frigorifero, né tanto meno per un congelatore. Così si è pensato di integrarli nell’arredo posizionandoli a sinistra dell’ingresso che, per la sua lunghezza, ha permesso di aggiungere anche un modulo con i cassetti, molto utili per riporre pentole e utensili vari.

Illuminare correttamente ogni ambiente è molto importante e la scelta delle lampade non è sempre così facile e scontata. Nella camera da letto padronale, le lampade da lettura diventano elemento decor grazie a un filo colorato e sottile. Il sostegno, realizzato in cuoio, è molto minimal, ma in grado di conquistare la scena!

Nella seconda camera si è voluta dare l’idea di angolo relax, lasciando agli affittuari la scelta di completarla seguendo i loro bisogni e desideri.

Nel bagno il mosaico di un color oceano era già esistente e non era conveniente sostituirlo. Si è scelto quindi di “scaldarlo” con elementi tondeggianti come lo specchio e il lavandino appoggiato su un piano in legno che rispecchia il design scelto per ogni ambiente.

Questo progetto è stato fonte di piccole e grandi soddisfazioni per me, ma soprattutto per i committenti che hanno affittato l’appartamento praticamente a prima vista. E questa è la dimostrazione che non serve necessariamente un grande budget per creare il giusto equilibrio tra carattere, colore e calore.

Uno spazio anche per loro: i cani

Eccoci al secondo appuntamento con Uno spazio anche per loro, ovvero i nostri amici a quattro zampe.

Parliamo oggi dei cani, queste meravigliose creature definite da Sigmund Freud i migliori amici dell’uomo (credo tuttavia che anche non l’avesse espresso lui, il concetto ci sarebbe altrettanto familiare!).

Un cane ti ama incondizionatamente, ti sta accanto sempre, ti riempie la vita, e anche la casa: quindi spesso ci troviamo a “combattere” con degli spazi forzatamente condivisi, con delle coperte mal riposte e con delle ingombranti brandine.

Come ovviare a tutto questo?

Ecco alcune idee su come il design ci viene incontro quando vogliamo conciliare il nostro vivere la casa con i bisogni e la presenza del nostro amico.

Dog House Sofa
dog_house_sofa_05

In Corea del Sud oltre dieci milioni di persone convivono con animali domestici. Lo sa bene il designer Seungji Mun che con la sua collezione di mobili pet, creata con il brand “m.pup”, ha voluto esaltare  l’armonia esistente tra uomo e animale domestico, condividendone emozioni e sentimenti. Attraverso i suoi prodotti, inoltre, l’artista si sta impegnando a diffondere il grave problema degli abbandoni, un  nobile impegno che assotiglia i confini tra arredamento e benessere degli animali.

Il divano è realizzato in legno massello di frassino e tessuto canvas per le sedute.

dog_house_sofa_08

Bambú Hammock

dog_hammock

Linee pulite e materiali eco-friendly per l’amaca Bambú Hammock prodotta da Pet Lounge Studios,  azienda statunitense che vende in tutto il mondo prodotti creativi per animali domestici principalmente realizzati in bambù.  La superficie è pensata in modo tale da rispondere al meglio al peso del cane, alleviando così molti dei punti di pressione che gli possono causare disagio. Il cuscino, ovviamente removibile, è realizzato  in pelle scamosciata ipoallergenica e resistente alle macchie.

Immagine1231556

Rocking – 2 – Gether Chair 

tumblr_m4wa366rzu1qzxhoso1_1280

Il Rocking – 2 – Gether Chair di Paul Kweton è un sedia a dondolo perfetta per rilassarsi insieme al nostro amico. Realizzata in multistrato di betulla, può essere personalizzata scegliendone larghezza e densità di colore.

9154_10151167321059677_1454416077_n

Se invece vi piace sperimentare il fai da te, ecco un’idea su come far star comodo il vostro cane, fondendo uno spazio tutto per lui con il resto dell’arredo. Basta un cubo di legno, un morbido cuscino e il gioco è fatto! Per varie composizioni e acquisti online:  http://www.cosecosi.it/arredonaturale/cubomagico.asp

ed7ced82a0ce3040312beb9ee9c29ab3

Per i più piccoli ed esigenti, ecco invece una creazione tres chic, replicabile anche se non si possiede un’autentica valigia di Luis Vuitton!

Immagine12315

Only for them!

bee716eb1dd109337e435cfcf67334aa

Se lo spazio non vi manca (e i cani neppure), non sottovalutate l’idea di creare una stanza solo per loro, magari personalizzandola con foto in bianco e nero che ritraggono i loro (e anche vostri) momenti felici. Ottimo suggerimento anche la parete colorata che rende lo spazio ancora più definito e prezioso.

A scomparsa

453bff95b32c38a2ca841893b4b65667

E se non si vogliono avere ciotole sparse un po’ ovunque, si può sempre ricorrere ad una soluzione “su misura”  che compare solo al momento del pasto e si nasconde il resto della giornata (anche se è sempre meglio lasciare la ciotola dell’acqua sempre a disposizione).

E se poi piove?

c700x420

Fino ad ora abbiamo visto soluzioni per i momenti in cui il nostro cane è in casa, ma sappiamo bene che le uscite non possono e non dovono mancare. E se fuori piove? Sicuramente le apposite pettorine e cappotti impermeabili possono essere una soluzione, soprattutto per i cani di piccola taglia, ma per chi proprio non le sopporta, ecco far ingresso anche in Italia gli ombrelli per cani che funzionano anche come guinzaglio. Un accessorio forse più pratico che si blocca al collare e protegge il nostro amico dalla pioggia senza compromettere la sua sicurezza. Acquistabile on line e nei migliori negozi di accessori per animali.

Proteggiamo i nostri cani, sosteniamo le Associazioni per la Protezione degli Animali nelle campagne contro gli abbandoni! 

LOGO-ENPA-ESTESO logo-home logo-lav

 

 

 

 

“E’ dolce sentire l’onesto abbaio del cane da guardia che ci lancia un profondo benvenuto quando ci avviciniamo a casa; è dolce sapere che c’è un occhio attento che cura il nostro ritorno e si illumina quando arriviamo.” – Lord Byron

1, 2, 3 e il salotto è fatto

Quando le idee non vengono, o semplicemente sembrano tante e confuse, affidarsi ad un esperto di arredamento forse è la cosa migliore.

Se è vero infatti che il web propone molte soluzioni e belle idee e ci sono molti siti e blog che ti possono aiutare nelle scelte, è anche vero che non sempre il fai da te risulta facile da realizzare.

Ecco qui dei moodboard realizzati per aiutare un proprietario con un budget in mente ma incerto sul da farsi.

Diapositiva2

Diapositiva3

Diapositiva4

Diapositiva6

Diapositiva5

 

 

 

Casa dolce casa

Cambiare arredamento in una casa può sembrare difficile e costoso, ma non sempre lo è.

Si può cominciare col cambiare le tende, un tappeto o magari i cuscini sopra il divano ed il gioco è presto fatto! se poi ci si vuole spingere un po’ più in là, si possono ridipingere le pareti o qualche mobile.

Io da un po’ prediligo il bianco, conferisce più luce all’ambiente rendendolo fresco ed armonioso. E poi, diciamocelo, cambiare qualcosa in casa può essere un modo divertente per darsi alle pulizie di Pasqua anche a Settembre e può diventare l’occasione giusta per sbarazzarsi (senza rimorso) di vecchie cianfrusaglie e suppellettili (e perché no! magari anche di qualche imbarazzante regalo della suocera).

640x640 sito5

IMG_8545

 

IMG_8557 IMG_8562