Month: maggio 2015

Soppalco. Una questione di spazio

JB5A6024 copiaChi abita in un monolocale sa perfettamente che l’ottimizzazione degli spazi è fondamentale, dal momento che l’ambiente è ridotto al minimo. Ecco perché diventa necessario fare in modo di sfruttare al meglio ogni più piccolo angolo a disposizione, trovando soluzioni abitative intelligenti che siano funzionali e auspicabilmente anche belle da vedere.

Nel caso di spazi piccoli, il soppalco è in grado di cambiare la vita. Sopra ci si può mettere un letto, un guardaroba o creare un mini salottino. Ovviamente bisogna disporre di soffitti alti e di un buon falegname che lavori su misura.

JB5A1868_1

A casa mia, una sedia a dondolo mi coccola quando leggo un libro. Sotto il soppalco, la libreria fa da cornice ad un piccolotavolino da caffè, un angolo dove riacquisto la tranquillità dopo un’intensa giornata di lavoro e dove trovo rifugio nei pomeriggi invernali quando è la pioggia l’unica a farmi compagnia.

JB5A6033 copia

JB5A6030 copia

1, 2, 3… et voilà! La conigliera finisce in camera da letto

cell 230Avere fantasia e creatività a volte può essere controproducente perché si rischia non solo di non buttare via nulla, ma di riempire la casa di oggetti e mobili “fai da te” che, diciamocelo, a volte sono davvero troppo! 

 

La mia regola è semplice, una cosa entra, una esce! E’ così con tutto, con i vestiti, le scarpe e anche con i mobili. Non avessi seguito questo metodo probabilmente ora vivrei in un vero e proprio magazzino. 

Ma le regole sono fatte per essere infrante, e questa non fa eccezione! 

Tanti anni fa mentre stavo aiutando il mio amico Roberto nel suo trasloco, notai nascosto in garage questo vecchio mobile, malmesso e pieno di ragnatele. Gli chiesi cosa fosse e lui rispose che era una vecchia conigliera di cui si sarebbe presto sbarazzato, non sapendo cosa farsene. Il resto è storia…

JB5A4689

I giorni seguenti furono frenetici. All’epoca non avevo un posto adatto per lavori di restauro e così trasformai la mia cameretta in un laboratorio. Lavorai tantissimo e in quella confusione, in quell’improvvisa trasformazione della conigliera (e della mia cameretta, diventata un vero e proprio campo di battaglia) non era la fatica a farla da padrone, ma la passione per quello che sotto le mie mani si stava pian piano trasformando.

Non mi arrabbiai neanche quando Poppy inciampò nel vasetto di colore e gironzolando a zig-zag per casa, lasciò zampette bianche dappertutto!

Alla fine di quei giorni,  gli animali avevano lasciato il posto a lenzuola, cuscini ed asciugamani. 

JB5A4700

JB5A4712Misi il mobile in camera da letto e da allora, al mio risveglio, penso ai conigli (che non mangio) e a quei giorni in cui decisi che anche un’ex conigliera avrebbe trovato il giusto posto in questa casa. 

JB5A4723


 

Protagonista del passato, interprete del presente: il fascino senza tempo della cornice.

di Chiara Zoppas.

cornice oro (3)La cornice separa l’immagine da tutto quello che la circonda, da ciò che sta al di fuori; delimita, inquadra e al contempo determina il carattere e lo stile dello spazio su cui viene posata. Da secoli si parla del suo ruolo per nulla secondario: una finestra su un mondo-altro, un dialogo con l’arte, una preziosa decorazione. Quel che è certo, è che ancor oggi è difficile farne a meno e anzi, nel tempo ha acquistato un valore superiore proprio grazie alla sua capacità di far vibrare da sola persino una parete bianca.

sigegold_doratura_02__xlarge (3)Io provo un fascino particolare per questo oggetto dalla dettagliata manifattura: forte e determinante quando si fa ammirare da solo o quando abbraccia una vecchia specchiera; delicato e poco invadente quando diventa puro arricchimento di un’opera. Questa mia strana attrazione per la cornice, ha fatto sì che iniziassi a giocare con la foglia oro, con le vernici opache, con le decorazioni floreali, per dedicarmi così al recupero di vecchi pezzi trovati o semplicemente all’abbellimento dell’artigianato contemporaneo.

da9e8d4e70b966c5a051fd87648698d4

Come per i vecchi mobili, anche le cornici aspirano ad una nuova vita e cosa c’è di meglio che farla tornare al grezzo per poi coprirla di luce grazie alla doratura? O ancora, darle un po’ di charme con un tocco di bianco e qualche grezza imperfezione. Decori floreali, righe, oro, argento, colori. La cornice può avere una, dieci, cento vite. E soprattutto ha il dono di rendere anche lo scarabocchio di un bambino una vera opera d’arte.

Oggi pranzo da sola

jb5a1814In queste prime giornate di vero sole la voglia di stare all’aperto è incontenibile. Finalmente i tigli si sono rivestiti di verde, qualche fiore viola fa capolino dall’erba cipollina che nonostante l’incuria e il gelo dell’inverno ogni anno rivive la primavera e il gelsomino fa da cornice ad un sole che oggi sembra non voler uscire.

 

E in tutto questo, cosa c’è di più bello se non godersi un piatto di pasta all’aperto?

jb5a1799

Sono felice e non mi sento affatto sola, un buon libro e l’immancabile Poppy sono la compagnia ideale per questo pranzo in un giardino di profumi aromatici.

jb5a1823

 

Una sedia con 20 anni in meno

Il mercatino di PoppyAdoro fare acquisti nei mercatini perché non sai mai cosa ci puoi trovare. I negozi di seconda mano poi sono una risorsa incredibile. A volte le persone si liberano di veri e propri tesori e neanche si accorgono che la storia che questi conservano va ben oltre quell’aspetto anonimo e forse un po’ demodé con il quale si presentano stipati in qualche soffitta. Quando li guardo, ho come l’impressione che mi stiano chiedendo di dar loro una seconda possibilità: non hanno nessuna voglia di essere messi da parte perché valgono molto di più di quei feticci omologati da centro commerciale che ci si ostina per comodità ad acquistare continuamente.

Spesso hanno solo bisogno di un po’ di cura, ma anche di un bel po’ di olio di gomito certo. Altre volte vanno interamente restaurati, però ne vale sempre la pena! Sono proprio queste le sfide che più mi appassionano e che, sempre più, mi portano ad amare questo lavoro.

Recentemente ho acquistato questo set composto da due poltroncine e un divanetto. Il colore non mi faceva impazzire, ma quando si è alla ricerca di mobili, non bisogna preoccuparsi dei colori perché si può dipingere quasi ogni cosa; sono la forma e il materiale le cose importanti!

Ecco i miei tesori appena presi!

jb5a9946jb5a9937

 

Ovviamente avevano bisogno di un tocco di Poppy…

Quando si dipinge un mobile o un qualsiasi oggetto in legno, la preparazione è fondamentale. Bisogna carteggiare delicatamente anche l’angolo più piccolo con una carta vetrata fine per far sì che il legno sia pronto ad assorbire nuovo colore; poi bisogna pulire ogni superficie, prepararla con una mano di aggrappante ed infine aggiungere il colore finale. E questo è il processo che ho seguito anche per le mie vecchie-nuove sedie.

jb5a0210
jb5a0147
jb5a0149jb5a0175
jb5a0227

A lavori finiti, non posso che compiacermi del risultato e anche se la fatica non è stata poca, sono felice di aver fatto rivivere un piccolo pezzo di storia.

Immagino già qualcuno di voi immerso nella lettura di un buon libro, magari sotto un albero in giardino, oppure a sorseggiare un buon bicchiere di vino con degli amici.

Qualunque siano le vostre intenzioni, avete la possibilità di portarvi a casa dei pezzi unici.

Se siete interessati non dovete far altro che chiamarmi.

jb5a0446jb5a0450jb5a0473jb5a0469jb5a0488jb5a0463